Questo sito non supporta completamente il tuo browser. Ti consigliamo di utilizzare Edge, Chrome, Safari o Firefox.

Codice EXTRA15 sulla PE24 e sui SALDI : Iscriviti alla newsletter

Balmain AW 24/25: tra le Radici Bordolesi e l'Avanguardia Contemporanea.

Balmain AW 24/25: tra le Radici Bordolesi e l'Avanguardia Contemporanea.

 La sfilata di Balmain per la stagione Autunno/Inverno 2024/2025 si è rivelata un evento di moda che ha saputo coniugare con maestria il patrimonio di haute couture con una visione decisamente contemporanea. Sotto le luci avveniristiche della scena parigina, il direttore creativo Olivier Rousteing ha presentato una collezione che parla al futuro senza dimenticare le radici di un marchio iconico e mette in scena una sfilata bucolica e rurale, come un invito ad andare a ricaricare le batterie nel verde.  In omaggio a Bordeaux, sua città natale, Olivier Rousteing coltiva il suo pollice verde con una collezione scandita da generosi grappoli d’uva che si trasformano in accessori e in una stampa all-over che copre tute e tubini, in ricami scintillanti.

l’audace gioco di volumi tra una vita molto aderente, le spalle XXL o anche il seno conico come un reggiseno a punta degli anni Cinquanta, si ispirano all’architettura e al fascino “classico” ed “elegante” di questa metropoli.

Indispensabile per i pomeriggi piovosi, il trench è “il” pezzo emblematico del guardaroba bordolese dello stilista. Questo capo di origine militare presenta dettagli plissettati e si trasforma in un abito stile kimono con spalline e giacche cropped con cappuccio in una palette di toni terrosi. Letteralmente mimetizzato nel verde del prato: un cappotto sovradimensionato in ecopelliccia color muschio.

La tovaglia in fantasia Vichy, elemento essenziale di un pranzo sull’erba, viene qui proposta in versione contemporanea, tagliato in tessuto jacquard scintillante bianco e nero. Quanto basta per organizzare un ideale picnic firmato Balmain.

La maggior parte degli outfit erano accessoriati con la creazione di pelletteria più recente della casa, la borsa “Jolie Madame”, un accessorio in pelle molto scultoreo con il suo design a triangolo isoscele , un altro cenno all’eredità stilistica del fondatore. Vere e proprie tote bag, borse che imitano i tradizionali cestini di vimini e reti per la spesa color papavero accompagnano i look.

La sfilata di Balmain per l'Autunno/Inverno 2024/2025 è stata una dichiarazione potente di un lusso senza tempo che guarda avanti, un invito a sognare un futuro in cui la moda è un'espressione autentica del sé. Rousteing e il suo team hanno nuovamente fissato l'asticella per il lusso contemporaneo, dimostrando che il marchio Balmain rimane una forza innovativa e ispiratrice nel panorama della moda mondiale.